19 febbraio 2018

Questa è una domanda che in molti si pongono, soprattutto quando capita di avere delle difficoltà e di doversi rivolgere ad un professionista per una richiesta di aiuto. E’ bene quindi fare chiarezza al riguardo, per evitare malintesi e informazioni fuorvianti.

Lo psicologo è un professionista laureato presso la facoltà di Psicologia (laurea magistrale), che dopo aver fatto l’Esame di Stato, si è regolarmente iscritto all’Ordine degli Psicologi della propria regione. Le sue competenze specifiche (ben indicate dall’art. 1 della Legge 56/89) prevedono l’uso di strumenti conoscitivi e di intervento per la prevenzione, la diagnosi, le attività di abilitazione-riabilitazione e di sostegno in ambito psicologico rivolte alla persona, al gruppo, agli organismi sociali e alle comunità. Questa professione comprende altresì le attività di sperimentazione, ricerca e didattica in tale ambito.

Lo Psicoterapeuta invece é uno Psicologo o un Medico che dopo l’abilitazione si è iscritto presso un’ulteriore scuola di specializzazione della durata media di 4 anni. Le Scuole di Specializzazione fondano il loro insegnamento su vari tipi di approccio, fornendo una preparazione specifica e diversificata sulla base degli indirizzi teorici a cui si riferiscono. La conclusione della scuola abilita all’esercizio dell’attività psicoterapeutica. La Psicoterapia è un processo condiviso e strutturato che intende affrontare e ridurre i disagi, la sofferenza psicologica, le disarmonie della personalità e delle relazioni, i sintomi psicopatologici, analizzando ed affrontando serenamente le loro motivazioni. Lo Psicologo-psicoterapeuta lavora con il singolo o con il gruppo cercando di modificare in profondità l’equilibrio del sistema psicologico ed i suoi meccanismi di funzionamento di base, oppure lavorando sulle dinamiche di tipo relazionale dei soggetti.

Lo Psichiatra, invece, è un Medico, laureato in Medicina, con una specializzazione in Psichiatria ed ha una formazione di base prevalentemente “medico-farmacologica”. A differenza delle due figure precedenti, infatti, è l’unico autorizzato a prescrivere farmaci.